News | Sir Oliver Skardy

Sir Oliver Skardy ospite alla Zombie Walk Venezia 2017

L'11 FEBBRAIO LA ZOMBIE WALK VENEZIA SARÀ IL SET DI UN VIDEO CLIP DI FAME UN SPRITZ

 

 

La quarta edizione della 9MM Zombie Walk Venezia, sabato 11 Febbraio primo giorno ufficiale del Carnevale di Venezia, ospiterà nel suo corteo Sir Oliver Skardy. Durante il corteo verranno fatte le riprese per la realizzazione di un videoclip della Zombie Walk sulle note di Fame un spritz, la popolare canzone di Sir Oliver Skardy & Fahrenheit 451. (vedi il promo)

Organizzata da Daniele Cellini e Alex Torchia dell'Associazione N.EX.T., la manifestazione inizierà dalle ore 10.00 in Sala San Leonardo (Cannaregio 1584) con la dimostrazione gratuita e il concorso di trucco dei maestri di effetti speciali. Il ritrovo per chi parteciperà alla Zombie Walk sarà alle 14.00 e la partenza alle 15.00, il corteo partirà da Campo San Leonardo e arriverà a Campo Santi Apostoli per poi ritornare in Campo San Leonardo per lo scontro con i sopravvissuti e finirà alle ore 18.00.

Molti i premi e le targhe, tutto gratuito, per vedere tutti i dettagli clicca qui

È uscito il nuovo singolo di Sir Oliver Skardy, si chiama MENAROSTO

DISPONIBILE SU TUTTE LE PIATTAFORME DIGITALI "MENAROSTO", SIGLA DELLA WEB SERIE DI SIR OLIVER SKARDY

 

“MENAROSTO” in veneziano vuol dire disobbediente, impertinente, un birichino scansafatiche. Il nuovo brano nasce come sigla della web serie di cucina veneziana “in levare”, un canale YouTube dedicato dove Skardy si mette ai fornelli per ospiti sempre diversi. La regola reggae di questi brevi racconti in cucina è che ci si può nutrire egregiamente con ingredienti semplici, magari comprati a Rialto, il più bel mercato del mondo nel centro di Venezia. Lo stesso vale per la musica dove, anche soltanto con accordi essenziali, se c’è qualcosa da dire, una storia da raccontare, idee da far sentire, si può e si deve fare! Perché cibo e musica sono gioia e qui finalmente si fa da mangiare ridendo, scherzando e cantando.

Come è tipico nel suo stile, anche in questo brano, che al primo ascolto può sembrare “leggero”, Skardy introduce temi sociali e argomenti coerenti a una visione ribelle, contro i soliti soprusi, le ingiustizie, i piccoli e grandi abusi quotidiani e le prevaricazioni dei potenti.

Naturalmente lo fa nel suo “skardese” quel misto tra veneziano con accento di Marghera e creazione continua di neologismi italiani. Perché l’ingrediente principale della cucina di Skardy rimane sempre questo: la fantasia distruggerà il potere e una risata vi seppellirà!

Menarosto è un canale YouTube (vedi)

Menarosto è una pagina Facebook (vedi)

Skardy: si era mai visto un Menarosto in versione sportiva?

ANCORA UNA PUNTATA DELLA WEB SERIE DI CUCINA VENEZIANA CON FRANCESCO “FRANK” VITUCCI

Eccoci al terzo appuntamento con l’anti-cuoco, un Menarosto spumeggiante alle prese con la rivisitazione del cicchetto veneziano per eccellenza: “el fritolin”. Col suo piatto di polenta e pesce fritto, questa volta Skardy incontra il mondo dello sport e lo fa ai massimi livelli.

L’ospite d’onore della puntata è un vecchio amico, uno degli allenatori di punta della pallacanestro di serie A: Francesco “Frank” Vitucci, un veneziano al Torino Basket. Li ritroviamo assieme in un campetto di Santa Marta, il quartiere “proletario” della città, alle prese con un gruppetto di giovanissime e scatenate baskettare…

Menarosto è un canale YouTube (vedi)

Menarosto è una pagina Facebook (vedi)

Con la FIOM alla seconda puntata di Menarosto!

CONTINUA LA WEB SERIE DI CUCINA VENEZIANA IN SALSA REGGAE

L’anti-cuoco Sir Oliver Skardy scende in piazza col sindacato di Maurizio Landini e un piatto di … “carbonara de pesse straco” (letteralmente: pesce stanco). Stanco di cosa? Dei soliti soprusi, delle ingiustizie, dei piccoli e grandi abusi quotidiani, delle prevaricazioni dei potenti e delle vessazioni sul lavoro.

E allora, pane al pane e vino al vino, Menarosto invita alla sua tavola soltanto gli amici sinceri, quelli senza peli sulla lingua, gente che la pensa come lui. Insomma, gli autentici “menarosti” come i lavoratori della FIOM. Può bastare un piatto di pastasciutta? Forse no, ma se è fatta col cuore…

Menarosto è un canale YouTube (vedi)

Menarosto è una pagina Facebook (vedi)

 

Menarosto in veneziano vuol dire disobbediente, impertinente, un birichino: non poteva che essere proprio Sir Oliver Skardy a cambiare ritmo in cucina. Con buona pace dei vari Master Chef e Hell’s Kitchen, si può cucinare anche senza scomodare le acciughe del Mar Cantabrico, il Mangustan asiatico o lo storione Beluga. Ci si può nutrire egregiamente con ingredienti semplici, magari comprati a Rialto nel più bel mercato del mondo. Perché il cibo è gioia e qui finalmente si fa da mangiare ridendo, scherzando e cantando!

Quel menarosto di Skardy si mette ai fornelli per ospiti sempre diversi, autentiche guest star che si scoprono soltanto a fine puntata, dando così un senso alla narrazione e alla scelta degli ingredienti per la ricetta. Gli interni sono girati in un ambiente molto particolare, una location tra fornelli e strumenti musicali, a metà tra cucina e sala prove. È qui che Skardy da il meglio di sé, prendendosi pause di riflessione tra fantasticherie e fatti reali della vita, raccontando il “come si fa” nel modo più lontano possibile dai tutorial ci cucina così come siamo abituati a vedere in televisione.

Ma, come la mettiamo con la lingua? Lo “scardese” non è certo comprensibile a tutti! Quel misto tra veneziano con accento di Marghera e creazione continua di neologismi italiani potrebbe risultare poco chiaro, ma niente paura: ecco il più sgangherato, illogico e sbilenco dei traduttori simultanei. Si chiama Gianfranco Gallo, di professione mimo che, per la prima volta e soltanto per Skardy, abbandona il mutismo e conquista la parola!

Da un’idea di Pierangelo Federici e Luciano “Fricchetti” Trevisan, la produzione è di Zeta Group, con la supervisione food di Veneziani a Tavola e il coordinamento artistico di Ossigeno.

Questo sito utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
  Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Continua