Rose e petardi (feat. MARCO "FURIO" FORIERI)

Discografia Ufficiale - Sir Oliver Skardy
Loading the player...

Proseguiamo sulla critica e la polemica contro lo status quo attuale con un reggae godibile dove Skardy ritrova Marco “Furio” Forieri degli Ska-J ed ex Pitura Freska.

Le rime del brano, a favore delle droghe leggere, risuonano fortemente contro proibizionismo e perbenismo che spesso sono una maschera per difendere i propri interessi e alimentare traffici mafiosi.

Contatore ascolti : 1578
Testo : Rose e petardi (feat. MARCO "FURIO" FORIERI)

Recorded by Sir Oliver Skardy

ROSE E PETARDI

Music by Andrea Manzo - Roberto Pettenello - Skardy / Lyrics by Marco Forieri - Skardy

Go comincià a fumar ai concerti
gera proprio un gran bordeo
comprar ‘na stechetta, i friketoni le vendeva sul tapeo
no gera fassie, gerimo disoccupai
le do cartine no se tacava mai
bastava do tirae con un bon cilum e gera tutti accontentai
cossì semo ‘ndai vanti fin in tempi più recenti
ma par i alcoixai gerimo i delinquenti
i se ga sentio offesi, lori devastai
nialtri sempre illesi - devastai
bigotti, ignoranti, invidiosi
meio classificai, matti pericolosi


Bridge:
Sinque generasion tratae come cani
da sti quatro politici infami
boni terorixar quei che fuma i canoni
par pararse el culo a lori e tutti i ladroni

Refrain:
Fuoco ai petardi a la faccia de Giovanardi
tanti, tanti petardi
rose co i spini, muxana e affini
tanti ma tanti spini

Lo sai, che cuei tenpi xe passai
i friketoni che vendeva le stechete
s'ha fato i schei e li ga la villa a Puket
desso cuei che fa la grana
vendendo mariuana
dell'Anonima Peoci
Mafia, Camorra & Soci.
Bastardi, i ga ciavà i miliardi!

E ancora oggi co fumemo un spinelo
col xe finio ve coremo in bueo
chissà che sciopè dentro chel bicierin
ogni volta che uno fa su un filtrin
che restè sofegai dentro ‘na damigiana
ogni volta che parlè mal de la mariuana
par ogni pacchetto de cartine finio
che sia maledetto chi se spaccia par Dio

Refrain

Come el contadin che segue le stagion
mi vogio do piante che cressa sul balcon
ghe xe cuei che beve e campa cent’anni
mi co do piante ris'cio trent’anni
bastardi, i ga ciavà i miliardi!
Mi no sò un sbarbà che va imatonio
che de fumar no ga mai finio
mi vogio poco ma che sia mio
darghe schei ai sporchi mi go finio
bastardi, i ga ciavà i miliardi

Bastardi!

Questo sito utilizza Cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui
  Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Continua